Overland 12, dalla TV alla WEB-TV

Overland 12, dalla TV alla WEB-TV

Termina la prima visione di Overland 12 su RAI1, l’avventura “Nel Cuore dell’Africa Nera” che ha visto coinvolta Sirio Film nella produzione video di 16 puntate. Dopo aver coinvolto più di un milione e mezzo di telespettatori a puntata, la visione prosegue su overland.tv, dove oltre ad un gran numero di contenuti gratuiti, si potranno acquistare comodamente da pc le puntate complete. La web-tv è stata realizzata da Sirio Media +, l’area multimediale di Sirio Film, comprendendo nello sviluppo una sezione “shop” per l’acquisto diretto di abbonamenti o puntate.

Overland 12 sarà in onda con le immagini di Martino Poda, Stefano Minuz, Andrea Segatta e Roberto Ronchi, il montaggio di Francesco Tabarelli coadiuvato da Matteo Andreoli, il coordinamento di Alessandro Girardi, la produzione esecutiva di Lorenzo Girardi e l’organizzazione tecnica di Carla Scartezzini. Autori Beppe Tenti e Francesca Boggio Ributti.

Overland 12, la nuova spedizione del fortunato ciclo di Overland, ha affrontato in Africa la prova più difficile della sua carriera, un’impresa persino più spettacolare delle precedenti, ricca di colpi di scena, di imprevisti e ostacoli, ma anche di incontri, di scoperte e di meraviglia di fronte alla ricchezza di un continente così spesso, a torto, sottovalutato. A tenere la scena, più ancora del solito, è stata l’avventura.

Dalla costa mediterranea del Marocco la carovana di Overland 12 ha puntato verso sud, in direzione dell’Africa Occidentale, lasciando la fascia sahariana per entrare in quella della savana e poi della foresta. Superati la Mauritania e il Mali della mitica Timbuctù, abbiamo proseguito nel segno del conflitto tra Guinea, Liberia, Sierra Leone e Costa d’Avorio. Con Ghana, Togo e Benin abbiamo incrociato le tracce dei grandi regni neri del passato, le radici del vudù e alcuni dei terminali della tratta degli schiavi. In Nigeria ci siamo scontrati con il paradosso africano: risorse ingenti che non raggiungono la popolazione. Sempre più a sud, Camerun e Gabon ci hanno svelato la natura esuberante dell’Africa tropicale, mentre in Congo e Angola abbiamo dovuto testimoniare, sfortunatamente non per la prima volta, le conseguenze della guerra. In Namibia abbiamo ritrovato il deserto, in Botswana uno dei più spettacolari paradisi degli animali e in Zambia la meraviglia delle Cascate Vittoria. La risalita verso nord attraverso il cuore dell’Africa ci ha portati a solcare piste impossibili tracciate nel folto della foresta pluviale del Congo, e poi a documentare la rinascita di Ruanda, Burundi e Uganda. Ancora più su, in Etiopia abbiamo vissuto alcune delle pagine più drammatiche nell’intera storia di Overland, poi il Sahara ci ha accolti nuovamente nel suo abbraccio per accompagnarci fino alla fine del viaggio, attraverso il Sudan e l’Egitto.